L(I)ETTA NOVELLA (4)

Tempo di lettura: < 1 minuto

ho segnalato i due passaggi chiave che il Presidente incaricato deve affrontare in questi giorni per affermare una indispensabile discontinuità politico-programmatica nella formazione del nuovo Governo; ne debbo aggiungere uno che e’ contestuale e costituisce una condizione preliminare per il decollomdi un Esecutivo con realistiche chance di successo: Enrico Letta deve (immediatamente) dimostrare di tener la schiena dritta anche nello scacchiere europeo, in particolare nei confronti del partner tedesco.
Ogni manovra economica mirante ad affrontare le emergenze sociali e riavviare la crescita, dovra’ poter contare su una maggiore flessibilità finanziaria nell’ambito di un Fiscale compact europeo meno rigido e recessivo.
Ci si aspetta quindi una sobria ma ferma replica al Ministro delle Finanze tedesco che gia’ oggi ha lanciato un inaccettabile e minaccioso messaggio nei confronti del Presidente incaricato italiano: non servono i toni bellicosi e controproducenti alla Brunetta, ma una risposta nella quale si ribadiscono le buone ragioni del nostro Paese nel chiedere maggiori margini nelle politiche di investimento si!
Un Enrico Letta che veste i panni di un difensore degli interessi nazionali con toni pacati ed efficaci, questa si sarebbe una novita’ politica che rende praticabile una inedita alleanza di governo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Gentilmente scrivi le lettere di questa immagine captcha nella casella di input

Please type the characters of this captcha image in the input box

Accetto la Privacy Policy