Le lezioni della montagna

Tempo di lettura: 3 minuti

Le lezioni della montagna

 

Vette di amicizia e fratellanza

Nelle giornate in cui la cronaca o le relazioni personali ci parlano di divisioni e di inimicizia, ci velano i pensieri di tristezza e ci ricordano la prevalenza delle cattive abitudini che affaticano le nostre vite, diventa necessario concedersi un cambio di pensieri, con una buona dose di emozione, tuffandosi sulle pagine di un libro: se la fortuna ci soccorre (e la nostra raccolta di pubblicazioni dedicate alla montagna è il risultato di scelte meditate) avremo a disposizione già dal titolo il profumo di sentimenti forti e di un messaggio corroborante che promette il ripristino di un’intimità foriera di serenità ed ottimismo.

Ci sono casi in cui l’attesa desiderante cresce di fronte alle immagini della copertina; e se sono rappresentate dalle foto che si sovrappongono dei giovani volti sorridenti di Reinhold Messner e Walter Bonatti, la ricerca è già terminata! Ed il titolo, in mezzo, diventa un’affermazione che ti promette una lettura piena di emozioni: “Walter Bonatti – Il fratello che non sapevo di avere”.

Chi non ha nelle gambe l’affaticamento e nella mente il fascino dell’escursione alpinistica, chi non conosce le vite parallele di due straordinari protagonisti del ventesimo secolo che, seppur diacronicamente,  hanno saputo interpretare e vivere imprese sovrumane sospinti dalla passione per la montagna, non può capire quanto significative e ricche di empatia sono le parole che il più giovane Reinhold rivolge al più anziano Walter, incontrato nel 2004 – dopo un lungo periodo di avvistamenti ed incomprensioni – e frequentato successivamente con l’intensità di un affetto e di una confidenza profonda fino alla dolorosa scomparsa nel 2013.

Non è stata la notorietà a farmi scoprire di avere un fratello in più. Nulla a che fare con questioni di sangue. Molto, invece, con i sentimenti. Con gli ideali. Con una visione di vita condivisa. Nei pensieri e, prima di tutto, nell’azione. Walter  Bonatti è il fratello che non sapevo di avere”.

Non si tratta solo del riconoscimento postumo della grandezza del maestro italiano a cui lo scalatore altoatesino si è ispirato per realizzare un progetto di vita dedicata integralmente alle cime, che l’ha portato a scalare per primo tutti i 14 ottomila e con il quale ha condiviso l’esaltazione delle sfide impossibili e delle conquiste, ma anche la sofferenza di attacchi e polemiche collegate a drammatiche vicende personali (il K2 per Bonatti, il Nanga Parbat per Messner); è molto di più: rappresenta  la comprensione che anche quando siamo chiamati a sfidarci inseguendo sogni ed avventure a cui affidiamo l’affermazione della nostra identità, la ricerca di libertà e realizzazione, abbiamo davanti e/o di fianco a noi un  “fratello” che ci accompagna e ci dà la misura della nostra capacità di condividere il comune destino.

Anche i più grandi ed esaltanti progetti personali (come nel caso del visionario ed insaziabile inseguitore di mete altoatesino) rappresentano l’occasione – pur nell’espressione della più autentica vocazione individuale – per trovare ispirazione e confrontarsi con le “imprese” degli altri protagonisti:del mondo alpinistico, così come dei contesti in cui tutti ci sentiamo impegnati a dare e raggiungere il meglio di noi.

Certo la montagna costituisce l’ambiente naturale che può mettere a più dura prova la tempra personale ed imporre la “disciplina della cordata”, ovvero l’accettazione di  regole di altruismo e solidarietà; ma la “fratellanza” dichiarata e motivata da Messner è una testimonianza che commuove per schiettezza e profondità di argomentazioni, che sono supportate dalla ricostruzione binaria di due vite, incrociate e rilette per ritrovarne il senso di un messaggio unitario ed universale..

A coloro che sono animati da propositi ambiziosi o conoscono persone intenzionate a perseguirli, il consiglio è di leggere e regalare questo libro:  una lettura che produrrà una sferzata di rinnovato vigore, l’insegnamento prezioso di interpretare l’avventura – anche quando, spesso in montagna, è solitaria – non come tuffo nella solitudine, bensì come impegno per ritrovare in se stessi l’energia per con-vivere più pienamente la propria umanità, ovvero la capacità di riconoscere ii molti “fratelli sconosciuti” che si incontrano anche nei sentieri non tracciati nelle nostre mappe tradizionali.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Gentilmente scrivi le lettere di questa immagine captcha nella casella di input

Please type the characters of this captcha image in the input box

Accetto la Privacy Policy