Rosy Bindi: dall’Ulivo al Salice piangente

Tempo di lettura: 2 minuti

SalicebNon solo frustrati, ma anche rancorosi: alcuni esponenti del PD che non si rassegnano al nuovo corso renziano e, di fronte alle inevitabili resistenze che il processo riformatore incontra, piuttosto che contribuire ad arricchirlo e rafforzarlo, si dedicano a congetturare trabocchetti sul percorso parlamentare e tramare rivincite nella gestione interna del partito. Si dedicano cioè a coltivare, come scrive oggi sul Corriere della Sera E. Gali Della Loggia, la “vocazione minoritaria e nullista” della vecchia sinistra. L’aspetto più urticante delle loro iniziative è che, partendo dalla presunzione di essere ispirati eticamente e di tutelare i superiori interessi del Paese, si candidano in realtà a diventare il comodo paravento di persistenti e diffuse istanze corporative da un lato ed a giustificare la loro inconsistenza programmatica con un richiamo strumentale alle manifestazioni di disagio sociale. Il loro obiettivo è stato “rivelato” ieri da Rosy Bindi: ripristinare il coacervo ulivista per rifondare una “nuova sinistra riformista e plurale, ma sinistra”, aggiungendo che “allora, servirà oltre alle idee, la classe dirigente” (ma, perché allora e non subito?). Nel caso della vestale della purezza ideologico-morale, così come in quella del suo sodale in ricerca di rivincite, Massimo D’Alema, si potrebbe ricorrere – pensosamente e rispettosamente – ad argomentazioni robuste, per contestarne le reiterate op-posizioni alla strategia renziana, ma mi ostino a sottolinearne la matrice anagrafica. Ci troviamo in presenza di sessantenni di lungo corso che invece di meditare sui limiti e sulle contraddizioni della loro, peraltro ricca ed intensa, carriera politica e collaborare, seppur criticamente, ad irrobustire il processo di rinnovamento, si intestardiscono a progettare una rivincita sui quarantenni che hanno legittimamente deciso di accelerarne la corsa. Più che un possibile ritorno all’Ulivo, tutto ciò fa pensare alla triste immagine del Salice piangente.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Gentilmente scrivi le lettere di questa immagine captcha nella casella di input

Please type the characters of this captcha image in the input box

Accetto la Privacy Policy