CAPACI DI EMOZIONI

Tempo di lettura: < 1 minuto

CAPACI DI EMOZIONI.

Nella settimana appena trascorsa abbiamo vissuto un cumulo di emozioni suscitate dalla ricorrenza del  ventunesimo anniversario della strage di Capaci, realizzata dalla mafia  per spegnere la straordinaria intelligenza investigativa di Falcone, e dalla canonizzazione di Don Puglisi, anch’esso colpito dalla mano assassina  per zittire una umanissima e persuadente voce di pacificazione e di rifiuto della violenta oppressione mafiosa. Abbiamo così avuto conferma di quanto forte e sofferto è il legame con la terra siciliana; in questi giorni è anche riemersa la querelle sui costi finanziari dello stop alla costruzione del ponte sullo Stretto di Messina, ma la cancellazione del progetto di collegamento viario diretto tra terraferma e isola non cambia l’agenda di un necessario  programma di interventi che miri a ridurre la distanza sociale ed economica della terra siciliana dalla parte del Paese che, anche  nella crisi, dimostra di possedere strumenti e volontà di risalire la china. Certo, la precondizione per il successo di qualsiasi piano di sviluppo dell’isola è data dalla difesa della libertà civile  e dal sostegno dell’iniziativa imprenditoriale che possa svincolare l’economia siciliana dall’abbraccio mortale del parassitismo pubblico e della soffocante presenza malavitosa. Anche questo costituisce un impegno ed un obiettivo che conferma la necessità e la validità di un governo di coalizione in grado di costituire un punto di riferimento ai siciliani che nei giorni scorsi hanno testimoniato la volontà di continuare il cammino indicato dai loro (e nostri) martiri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Gentilmente scrivi le lettere di questa immagine captcha nella casella di input

Please type the characters of this captcha image in the input box

Accetto la Privacy Policy